TUBI E CUFFIE A RAGGI-X PER APPLICAZIONI DI TOMOGRAFIA INDUSTRIALE - Xrayconsult

Xrayconsult stemma distintivo
logo della Xrayconsult
Immagine settori di lavoro
Immagine settori di lavoro
Cambio Lingua
logo della Xrayconsult
Immagine settori di lavoro
Xrayconsult stemma distintivo
Vai ai contenuti

TUBI E CUFFIE A RAGGI-X PER APPLICAZIONI DI TOMOGRAFIA INDUSTRIALE

Info & News > Note Tecniche > Tecnologia > Tomografia industriale > Componenti di un sistema CT
.
SORGENTE RADIOGENA
.

 
SORGENTE RADIOGENA
 
Sappiamo che le caratteristiche che qualificano una sorgente di raggi-X sono la dimensione della macchia focale, lo spettro dei raggi-X generato e la intensità della radiazione. La dimensione della macchia focale e la geometria di ripresa (distanza tra sorgente, oggetto e rivelatore) influenzano la risoluzione spazia­le di un sistema CT. Lo spettro di energia determina la capacità di penetrazione del fascio, così come l’attenuazione imposta dalla densità dei differenti materiali attraversati. I fotoni ad alta energia penetrano in modo più efficace rispetto a quelli a bassa energia, ma sono meno sensibili alle variazioni di densità del materiale attraversato. L’intensità della radiazione influenza il rapporto segnale-rumore e quindi la nitidezza dell’immagine. Energie più elevate hanno penetrazione maggiore, ma una maggiore potenza va a discapito della dimensione delle macchie focali e quindi della risoluzione.  Sono disponibili anche tubi a raggi-X con un doppio filamento per poter selezionare due macchie focali, selezionabili a piacere; la dimensione della macchia focale determina la quantità e qualità della radiazione imposta dallo spessore e densità dell’oggetto. I tubi ad altissima risoluzione possono arrivare a macchie focali al di sotto del micron, ma le potenze in gioco non superano i 400W. In alcuni tubi è possibile regolare dall’esterno la focalizzazione del fascio elettronico incidente e quindi la dimensione della macchia focale; all'aumentare del carico si aumenta la dimensione per evitare danni termici irreversibili alla placca anodica. Nella tabella che segue è indicato il criterio generale di scelta.
I sistemi TC moderni sfruttano essenzialmente due tipi di fonti radiogene.
 
I tubi radiogeni a mini-fuoco sono più potenti dei tubi radiogeni a micro-fuoco, con energia che spazia da ~20 keV (Kiloelettronvolt) fino a ~600 keV, con potenza massima da 100 W fino a ~1500W. Le dimensioni delle macchie focali (o spot) per il mini-fuoco variano da ~ 0,25 mm a ~ 2 mm. Risultano ideali per l’esame di componenti strutturati in applicazioni del settore automobilistico, aereo e aerospaziale.


Caratteristiche Tubi radiogeni con mini-fuoco e micro-fuoco
Immagini tomografiche


I tubi radiogeni a micro-fuoco sono disponibili con energie da ~ 20 keV fino a ~ 750 keV. La potenza in uscita rientra tra valori inferiori a 1W e fino a ~ 300 W. Le dimensioni delle macchie focali del micro-fuoco rientrano tra ~ 1 um e ~ 300 um.
 
 
Per valutare la fonte radiogena di un sistema TC destinata a una particolare applicazione, si dovrebbe tener conto dei seguenti importanti parametri operativi:
 
 
Dimensioni e stabilità della macchia focale:
 
Questa caratteristica influenza la potenza in uscita del raggio e la nitidezza con cui si acquisiscono le immagini TC, fattore questo che incide nel livello di dettaglio del provino. I tubi radiogeni a micro-fuoco sfruttano macchie focali piccole, che permettono di ottenere raffigurazioni molto ingrandite e risoluzioni a livello di micrometro (~ 1 um).
 
I tubi radiogeni a mini-fuoco invece hanno macchie focali più grandi e quindi radiazioni a energia decisamente maggiore. Di solito sono utilizzati per campioni grandi e massivi, come pressofusi in alluminio, elementi in ghisa grigia o in acciaio colato. Elevate variazioni di temperatura possono causare unespansione dellalloggiamento del tubo radiogeno e successiva instabilità del campo elettrico, con deriva (drift) della macchia focale. La conseguenza è unimmagine ricostruita poco nitida. Raffreddando lalloggiamento si limitano le fluttuazioni di temperatura e il drift delle macchie focali, migliorando notevolmente la qualità delle immagini.

Grafico che relaziona il potere penetrante e macchia focale









Grafico che relaziona potere penetrante e Macchia focale.
Tabella di scelta della macchia focale in tomografia


keV (Kiloelettronvolt):
 
E la differenza di potenziale necessaria ad accelerare gli elettroni di un circuito percorso da corrente, al fine di creare fotoni di raggi-X. Tanto maggiore è il potenziale energetico della fonte, tanto maggiore è il potere penetrante della radiazione. Allaumentare delle dimensioni del particolare da scansionare, aumenta anche il fabbisogno energetico.
 
 
Milliampere (mA):
 
Indica la corrente che passa nel catodo. Lenergia potenziale accelera gli elettroni dal catodo verso lanodo. Lanodo è detto anche target ed è la sorgente della radiazione X. Maggiore è il flusso di corrente, maggiore sa il numero di elettroni che colpiranno il target e, quindi, maggiore sarà la quantità di raggi X emessi dalla sorgente.
 
Per ottenere complessivamente la migliore qualità dimmagine possibile per la relativa applicazione, si deve ottenere un equilibrio tra i fattori sopra indicati delle fonti radiogene. Non esiste una soluzione universale per tutte le applicazioni.
 

Cabine di tomografia Metrologiche in campo industriale


.
-
Brigida Michele      Email: brigida.michele@xrayconsult.it
Via Uboldo 2/c - 20063
Cernusco sul Naviglio (MI)     Tel.:   338 3688709
P.I. IT08888640961            Skype: brigida.michele
-
-
-
--
Brigida Michele           
Email: brigida.michele@xrayconsult.it
Tel.:   338 3688709
P.I. IT08888640961                         Skype: brigida.michele
Informazioni del sito web:
Linkedin   Facebook  

               
Linkedin     Facebook

I termini d'uso di questo sito sono soggetti alle Condizioni d'uso,
Utilizzo dei Cookie e di Privacy Policy

-
Torna ai contenuti